domenica 31 gennaio 2016

Deep Blue - Recensione _ Domino letterario

All'inizio dell'anno ho deciso di aderire ad un'iniziativa carinissima del gruppo "Passione Blog": il Domino letterario.
Vi consiglio caldamente di passare a trovare gli altri partecipanti perchè hanno dei blog molto interessanti.
Devilishly Stylish
Le Recensioni della Libraia
Lettere d’inchiostro
Everpop
Ladra di Libri
Libri che porto con me
Questione di libri
La Rapunzel dei Libri
Il Bosco dei sogni fantastici
Words of Books
On rainy days
Il nostro angolo dei sogni
WordsLeggere è un modo di volare senza ali
Leggendo Romance







TRAMA

Il primo volume di una serie di quattro racconti epici ambientati negli abissi oceanici, dove sei sirene cercano di salvare il loro mondo segreto. Quando Serafina, sirena del Mar Mediterraneo, si sveglia il giorno del suo fidanzamento ufficiale, la sua più grande preoccupazione avrebbe dovuto essere quella di conquistare l’amore del bel principe Mahdi. E invece Sera si ritrova in preda a strani sogni premonitori che le preannunciano l’arrivo di un’antica maledizione. Purtroppo le sue funeste premonizioni vengono presto confermate dalla morte di sua madre, uccisa da un dardo avvelenato. Serafina si ritrova così costretta a imbarcarsi nella ricerca  del mandante dell’omicidio per sventare una guerra tra i mondi delle sirene. Ispirata unicamente dai suoi ombrosi e confusi sogni , Sera cerca di mettersi in contatto con altre cinque eroiche sirene, sparpagliate nei sei Mari del mondo. Insieme formeranno un indistruttibile legame di sorellanza e scopriranno una congiura che minaccia la loro stessa sopravvivenza. Il primo volume della Waterfire Saga è espansivo, misterioso e seducente come il mare stesso.



Voto:♥ 1/2

Ciao a tutti cari lettori, ahimè anche la seconda lettura dell'anno è stata un disastro.
Fortunatamente ho preso questo libro all'usato pagandolo 5 euro, ma considerando che ho pagato 3 euro "Dieci piccoli indiani", sono stati 5 euro mal spesi.

Partiamo però da ciò che di positivo c'è in questo romanzo: la grafica.
La copertina è magnifica, da proprio l'idea di qualcosa di misterioso e magico, ti trasporta nel mondo delle sirene e l'inizio di ogni capitolo è decorato con onde e bollicine blu. Probabilmente terrò questo libro solo per l'estetica, o da leggere ad una mia ipotetica nipotina.

Proprio così, nipotina.
 Ora, io non so quale sia l'età consigliata per questo romanzo, ma l'ho trovato molto infantile, uno stile che potrebbe tranquillamente essere il mio alle medie, grande superficialità nella trama e tanta tanta banalità.
Mi dispiace essere così cattiva, solitamente sono buona e accomodante, ma vi giuro che non vedevo l'ora di finirlo per passare ad altro. E più di 300 pagine di sofferenza non sono proprio poche.
Per quanto mi riguarda Deep Blue è un remake mal riuscito della Sirenetta, pieno di parole sconosciute (un po' come l'arricciaspiccia) che lo hanno reso ancora più infantile e incomprensibile ai miei occhi.

In più il romanzo è popolato da personaggi dalla dubbia profondità.
Deep mica tanto, infatti l'introspezione psicologica è quasi inesistente, i personaggi si limitano ad essere l'incarnazione di un aggettivo: allegro, gentile, insicuro ecc... nessuna sfumatura.
Potevo prevedere qualsiasi decisione o situazione, non sono riuscita ad immedesimarmi in nessun personaggio e mi ha lasciata proprio con l'amaro in bocca.
Probabilmente la Disney potrebbe trasformarlo in un bel cartone, ma per quanto riguarda il romanzo, io non mi sento di consigliarlo a nessuno di età superiore ai 10 anni.

Probabilmente è colpa mia e mi sono auto-ingannata, forse mi aspettavo qualcosa di molto più maturo, forse un po' dark anche, quel che  non mi aspettavo era una favola. A dirla tutta, ci sono tantissimi romanzi per ragazzini che è possibile apprezzare anche da adulti, ma non è questo il caso.
Una cosa è certa: non leggerò i seguiti.
Non vado ulteriormente avanti perchè mi sento già troppo in colpa, traete le vostre conclusioni.
Voi lo avete letto? Vi è piaciuto? Perchè? Magari riuscite a farmi cambiare idea =)

venerdì 29 gennaio 2016

Pretty Little Liars 6x13 - Antonio commenta



Ciao, ragazzi!

Credo che questi episodi si stiano soffermando soprattutto sulle storie secondarie invece di focalizzarsi sull'omicidio di Cece. Lo schema, ormai, è sempre lo stesso e penso che, arrivati alla sesta stagione, sia necessario cambiarlo. Lo sappiamo benissimo che Ezra non ha ucciso Cece e queste sceneggiate, alla fine, si riveleranno completamente inutili. Ora, dato che stanno dando troppa importanza ad Ezra dedicandogli molto tempo, spero almeno che abbia fatto qualcosa durante quella notte; magari ha visto qualcuno, non lo so, ma speriamo che il tutto non si riduca ad una birretta di troppo.
Allucinante la frase di Ezra ad Aria.
"Chi credi che io sia?"
Ehm, Ezra, se vuoi ti faccio un "previously on PLL" così, magari, ti ricordi che non sei tutto 'sto stinco di santo. Le ragazze hanno fatto benissimo ad andargli contro dato che Ezra non vuole dire ancora nulla. Sbrighiamoci, per favore.
È stato piacevole rivedere delle vecchie conoscenze.
Lucas ha avuto molto successo dal punto di vista lavorativo tanto da far stupire Hanna che, diciamoci la verità, l'ha sempre considerato uno sfigatello. Sfigatello che, alla prima occasione, ha deciso subito di aiutarla. La domanda è lecita: Lucas c'entra qualcosa con l'omicidio di Cece?
Melissa, da buona marpiona, ha subito notato il flirtino tra Spencer e Caleb e ha lanciato una frecciatina alla sorella ricordando quando Spencer puntava gli occhi sui fidanzati della sorella. Insomma, Melissa sa come comportarsi a differenza di personaggi a caso... Sara... coff, coff.
Come volevasi dimostrare, Spencer e Caleb hanno fatto quello che volevano fare. Be', sì, hanno un buon feeling, però sappiamo già come andrà a finire.
Sinceramente, sono stufo di queste storie che terminano sempre a tarallucci e vino. A questo punto, voglio che la storia tra Spencer e Caleb continui fino alla fine, tanto Hanna ha dato la sua approvazione, no? Lei sposerà Jordan e gli Spaleb andranno per la loro strada; ma non sarà così, visto che sembra che Hanna provi ancora dei sentimenti verso Caleb.
Per me gli Haleb non hanno più senso, ma si sa che Hanna lascerà Jordan sull'altare e ritornerà con Caleb facendo finta che non sia accaduto nulla con una delle sue migliori amiche, anche se spero che gli sceneggiatori mi smentiscano e prendano veramente una decisione coraggiosa. Quindi, date le circostanze, diamo un caloroso benvenuto agli Spaleb. Ce la faranno a durare fino alla 6x20?
Il personaggio di Sara continua a sprofondare negli abissi. Mi dispiace, ma, per me, girovagare per Rosewood con quei sorrisi falsi non fa di lei una "bitch". La sua presenza negli episodi, per ora, è irrilevante. Diamoci una mossa, grazie!
Spero che dal prossimo episodio inizino ad esserci delle svolte, degli indizi concreti e qualche informazione su quello che è accaduto a Cece durante questi cinque anni.
 -Antonio

giovedì 28 gennaio 2016

Urla nel Silenzio - Recensione





Titolo: Urla nel silenzio

Autore: Angela Marsons
Editore: Newton Compton
Pagine: 370
Genere: thriller
Prezzo: 12,00 €

Trama

Cinque persone si trovano intorno a una fossa. A turno, ognuna di loro è costretta a scavare per dare sepoltura a un cadavere. Ma si tratta di una buca piccola: il corpo non è quello di un adulto. Una vita innocente è stata sacrificata per siglare un oscuro patto di sangue. E il segreto che lega i presenti è destinato a essere sepolto sotto terra. Anni dopo, la direttrice di una scuola viene brutalmente assassinata: è solo il primo di una serie di agghiaccianti delitti che terrorizzano la regione della Black Country, in Inghilterra. Il compito di seguire e fermare questa orribile scia di sangue viene affidato alla detective Kim Stone. Quando però nel corso delle indagini tornano alla luce anche i resti di un altro corpo sepolto molto tempo prima, Kim capisce che le radici del male vanno cercate nel passato e che per fermare il killer una volta per tutte dovrà confrontarsi con i propri demoni personali, che ha tenuto rinchiusi troppo a lungo…

Voto:♥   ♥   ♥   ♥   ♥


Recensione
Ultimamente leggo moltissimi thriller, sono troppo curiosa, perciò resto incollata al romanzo fino a che non ho più pagine da sfogliare. Anche questa volta la storia mi ha catturata sin dalle prime righe e mi ha conquistata sempre di più, fino a diventare ufficialmente il mio giallo preferito.
Da chi verrà scalzato dal podio? Se avete qualche thriller da consigliarmi, potete farlo qui sotto.
La protagonista è Kim Stone, giovane detective, caparbia, diretta, e non proprio estroversa, ma la verità è che dietro questa facciata da donna sicura, si nasconde una bambina terrorizzata, maltrattata e distrutta da un passato terribile.
Forse è proprio a causa di queste affinità che si incaponisce così tanto con il caso al centro del romanzo.

"Perché la passione che metto nel perseguire questo obiettivo è sicuramente superiore alle energie che gli servirebbero per sfuggirmi. Non mi fermerò finché non sarà punito per quello che ha fatto."

Sinceramente sono anni luce lontana da questa donna, quindi per questa volta non  mi sono immedesimata nemmeno un po', ma l'ho apprezzata con tutto il cuore, sapevo che ci sarebbe riuscita, sapevo che ci avrebbe provato con tutta se stessa.
D'altro canto sono molto più simile a Bryant che ha portato un po' di luce e dolcezza a questo romanzo cupo.
Trovo sempre difficile parlare di un romanzo a qualcuno che non l'ha ancora letto senza svelare troppo, a maggior ragione se si tratta di un thriller, ma questo, ragazzi, è uno spettacolo, vi basta sapere questo.
Ho trovato decisamente inquietanti e allo stesso tempo parecchio accattivanti le parti narrate dall'assassino, sono senza dubbio le più interessanti e spaventose. Siamo abituati a vedere con gli occhi del detective buono, che cerca di snodare tutti i nodi della grande tela del mistero, per una volta è stato bello essere un passo avanti al detective, essere nella testa di uno psicopatico.
Ho anche segnato con un piccolo post-it ognuna di queste pagine per farle leggere al mio ragazzo, amante del genere. Hanno un gran fascino, aumentano la curiosità del lettore che si ritrova a leggere e leggere ancora nella speranza di dare un volto a questo narratore.

"Urla nel silenzio" è un libro che si legge tutto d'un fiato, è scritto in modo semplice, la lettura infatti risulta scorrevole. Sono sicura che finirete in romanzo in una manciata di giorni.

Pensavo di aver scoperto il colpevole ed ero un po' delusa, preferisco l'effetto sorpresa, l'autrice mi ha anche trollata, facendomi credere per una frazione di secondo di averci preso e poi... BAM! Ho capito di essermi sbagliata ed ero senza parole perchè tra tutti i personaggi di cui ho dubitato, quello in particolare non era neanche entrato nella mia lista dei sospettati.
Non voglio dilungarmi oltre perchè finirei con il rovinarvi l'effetto sorpresa, ma mi raccomando: leggetelo.
Questo romanzo vi terrà lì incollati fino all'ultimo e poi dovrete per forza venire qui a parlarne con me. Ci state?

PS. Vorrei ringraziare infinitamente la Newton per avermi inviato la copia del romanzo. Come potete vedere l'ho apprezzato tantissimo.

-Jessie

Shadowhunters - Commento 1x03

Buongiorno cacciatori!
Ho mille recensioni in arretrato e altri 5000 video da pubblicare, ma tranquilli, lo farò.
Devo ancora riprendermi dal rientro da Parigi =(
Sarò rapida perchè ho davvero troppe cose da fare, ma non potevo lasciarvi a bocca asciutta.
Ma iniziamo con la recensione!



 Iniziamo con un Simon coraggioso

Seriously??


Parliamo di Raphael.
Non mi interessava particolarmente la scelta dell'attore, non me lo sono mai immaginato con un volto preciso, ma mi ha convinto. Oddio, c'è da dire che alle scene dei vampiri hanno dato una sfumatura "ridicola" voluta che non mi entusiasma, avrei preferito li mantenessero spaventosi, ma io a qualche risata non dico mai di no.

Come temevo hanno anticipato la scena al Dumort e non ne capisco esattamente il motivo, ma a modo suo ha funzionato.
Probabilmente a Simon non basterà un semplice cocktail alla festa di Magnus.


Mi è piaciuto tantissimo vederli tutti intorno al tavolo a collaborare, e soprattuto, i sorrisetti che si scambiano Alec, Jace e Izzy. Il loro è uno dei rapporti più belli della storia, spero resti intatto. O non succederà altrettanto alla testa degli autori.


Ouch


oooh
 Grazie Izzy, tanto lo sappiamo tutti che è gay <3


A questo punto ti aspetti un gran figo con le orecchie a punta, no?


E invece mi ritrovo questo affare.


Camille mi ha convinta al 100%, non me ne frega un fico secco del suo aspetto fisico, è sexy, manipolatrice e forte,


La scena dove Simon tenta di fuggire è esilarante, quel ragazzo ci farà ridere parecchio.
Avrei preferito più tempo da passare con lui da mondano, è così fifone, divertente e indifeso.






L'unica cosa che mi lascia un po' perplessa è Simon che si fa Camille.
Avevano proprio ragione due settimane fa: "Quello dovrebbe fare lo sfigato e sono sicuro che sarà quello che tromberà più di tutti"





A me questa versione di Isabelle piace tanto, ma perchè sorride sempre? Ammicca tutto il tempo, e con tutto intendo tutto. 

Ora passiamo alla scena penosa dell'episodio, quella che temevo di vedere dal giorno in cui ho iniziato questa serie ( due settimane fa, non così tanto):

La scena sdolcinata in cui lui le insegna a fare una cosa da dietro
( Detto così può suonare male)



Quanto è carino Ryan quando ride?
Ma tornando alla scena...
disgusted

Che è' ? Ghost? Dov'è il vaso?

Ma, Sì c'è un ma, ho trovato molta più chimica tra Dom e Kat e sono felicissima per questo.
Dominic mi ha convinto decisamente di più come Jace, per la prima volta sono riuscita a confonderlo con il personaggio; sorrisetto arrogante, ironia, charme, GO DOM! Se migliori ancora un po' sei nella squadra.
Forse il copione era anche più decente, ma il merito è quasi tutto suo, alla fine dell'episodio volevo quasi piangere dalla gioia.
Kat mi è piaciuta, non  ha dovuto abbaiare per essere spaventata, parlava normalmente, nulla di particolare, perciò non ho critiche da farle.



Grazie, Alec, per essere così acido e represso <3
Ma posso provare a capirlo: un giorno arriva una carotina che distrugge il suo piano decennale per bombarsi Jace e da lì comincia a rischiare la sua vita ogni istante perchè la carotina e il mondano non sanno badare a se stessi.



<3 ti vogliamo bene per questo <3

Sempre parlando della scena al cimitero ho notato una cosa che mi ha sconvolta, potrebbe essere una coincidenza, ma se così non fosse amerei la produzione con tutto il cuore. Sulla tomba-armeria c'è una data 1878. Nel 1878 a cacciare demoni c'erano due parabatai londinesi che hanno finito per condividere il cuore di una giovane ragazza di nome Tessa. Spero sia voluto questo riferimento perchè al momento sto sclerando e non poco.





Alec + Bow = OTP

E arriviamo alla parte migliore di tutto l'episodio, dell'anno e del secolo.
Matthew Daddario che pronuncia "parabatai"









Vorrei avere un Daddario da tenere in tasca tutti i giorni.









dmbrdy
E poi ci sono io che penso a Will e Jem e piango.


Non stiamo parlando di semplici e babbanissimi amici, qui sono PARABATAI, bitches!


E poi arrivano i vampiri che possono "congelare" le persone.

Absolutely Not

Che diavolo è sta roba?????? NO NO NO E NO. Finiamola con questo trash estremo.
Fermi tutti, le Halliwell sono tra noi!




Emeraude è sempre gnocca, prima o poi Izzy ci spiegherà come fa a cacciare con tacchi e vestitini. Meliorn invece mi annoia terribilmente, le Seelie devono MORIREEEEEEE.







Mi sono ritrovata ed esultare come una disgraziata al "My girl" di Jace. PRENDITI LA TUA RAGAZZA, SHADOWHUNTER!!!!






NO. Alec non sta nell'ombra di nessuno, non è un codardo, non è un burattino, non è un traditore come te! Smetti di aizzarlo contro Jace, Alec non è come te. Dovevano impedirti di parlare punto, non solo del Circolo.

Gli effetti speciali sono talmente penosi nella scena della motocicletta che non voglio nemmeno cercare una gif, vi risparmio questo dolore.
ener

Sono però felice abbiano deciso di inserire quella scena come nel libro. Ogni accenno alla storia originale mi scalda il cuore, lo sapete.


Ho preferito la scena al Dumort del film, era più d'effetto, questa è stata piuttosto banale e i lupi?? Dove sono?
Ma Simon è salvo e questo è l'importante.




Che fighi!






Dillo, Alec che volevi trasformare la carotina in uno spiedino.

E poi Raphael getta Simon a Jace come per dirle" Mio Dio, Riprendetevelo, parla troppo!"
Mia madre mi ha sempre detto che non si preoccupava dei rapimenti perchè,  dopo qualche ora a sentirmi parlare,  i miei rapitori mi avrebbero sicuramente riportata.
Per Simon vale la stessa cosa.
E poi arriva la friendzonata della vita, povero Simon.


Sembrava tutto emozionato e poi... "Sei il mio bff cuoricino cuoricioso"
RASSEGNATIIII

Ma io mi soffermerei sullo sguardo di Jace e soprattutto sull'occhiata che gli lancia Izzy..
Ti stai innamorandooooo, rimarrai fregato, caro il mio " Il bambino non pianse mai più".



CALMINO. Non tratti così il mio Alec.


No, non è vero, ma PLACATI, biondino. Lui si fa da sempre in quattro per te.



applause

E finiamo con Simon con problemi di vampirismo. Per me hanno accellerato troppo le cose, non mi hanno fatto godere nemmeno un po' del lato umano di Simon, ma voglio aspettare il prossimo episodio prima di giudicare.

Prima di lasciarvi vorrei mostrarvi le mie reazioni alla presenza di Daddario.



Olivia Wilde Wants









Ci sentiamo settimana prossima!

Bacini <3
-Jessie